Come le Persone Altamente Sensibili possono domare il perfezionismo

Crescendo come una persona altamente sensibile (HSP), mi sono sentita spesso imperfetta, inferiore e sopraffatta.

Mi è stato detto che ero troppo sensibile e silenziosa, che avrei dovuto parlare di più e farmi più amici. Come molti HSP, ero ansiosa a scuola a causa del rumore sovrastimolante, delle luci fluorescenti luminose, dei corridoi affollati e della pressione per essere come tutti gli altri.Mi influenzavano profondamente anche film, libri o notizie sulla sofferenza - e non mi sentivo adatta a reggere qesto carico emotivo.

Senza rendermene conto, ho usato il perfezionismo come un modo per far fronte alla mia alta sensibilità e bassa autostima - ma ha solo peggiorato le cose.

Diamo un'occhiata al motivo per cui alcuni HSP sono inclini al perfezionismo, inoltre condividerò cinque suggerimenti per aiutarti a domarlo.

Perché gli HSP sono inclini al perfezionismo?

I perfezionisti e gli HSP condividono molti degli stessi tratti. Tendiamo ad essere coscienziosi, orientati ai dettagli e organizzati. Mentre questi tratti possono darci un vantaggio in molte situazioni, quando sfuggono al controllo, possono farci del male. Può portarci a preoccuparci troppo di ciò che gli altri pensano di noi, essere molto sensibili alle critiche e andare al limite per evitare di trovarci in situazioni in cui potremmo fallire, apparire sciocchi o provare qualcosa di nuovo. Potremmo desiderare che le cose siano prevedibili e abbiano difficoltà ad adattarsi a cambiamenti imprevisti.

Le critiche possono essere particolarmente dolorose per gli HSP, che sono “programmati” per elaborare e sentire le cose in profondità. Il perfezionismo può essere un tentativo di proteggerci dalla dolorosa esperienza di sentirci come se avessimo fatto un errore o fatto qualcosa di sbagliato. Potremmo pensare che se possiamo fare tutto nel modo giusto, saremo in grado di evitare critiche e attenzioni indesiderate. Quindi, stabiliamo standard incredibilmente elevati per noi stessi, aspettandoci che noi stessi e il nostro lavoro siano perfetti. Lavoriamo incessantemente e ci sentiamo in dovere di riparare anche il più piccolo degli errori e delle imperfezioni.

Il perfezionismo è un tentativo di adattarsi

Come me, molti HSP sono cresciuti sentendosi diversi e "meno di" a causa della nostra maggiore sensibilità. Forse sei stato preso in giro o ti è stato detto che dovevi irrigidirti, che eri troppo sensibile o che piangevi troppo.

Sfortunatamente, gli HSP ricevono spesso il messaggio che la loro sensibilità è un difetto piuttosto che il bene che è veramente. E di conseguenza, spesso ci sentiamo inferiori e "diversi". Quindi possiamo riversarci nel lavoro e nei risultati per dimostrare la nostra dignità. I risultati diventano un modo per adattarci ed essere accettati.

Il perfezionismo è un tentativo di avere tutto sotto controllo

Sotto pensieri e comportamenti perfezionisti, di solito c'è la paura e l'ansia - paura del fallimento, rifiuto, imbarazzo, non essere abbastanza bravi, e così via. Spesso, queste paure non sono nemmeno consapevoli, ma possono aggiungere ai nostri sentimenti di sopraffazione e ansia. E quelli predisposti al perfezionismo possono rispondere cercando di controllare tutto, volendolo perfetto, e vedendo solo un modo "giusto" per fare le cose. HSP o no, possiamo diventare rigidi e controllanti perché ci sentiamo ansiosi e sopraffatti.Il prezzo del perfezionismo

Il perfezionismo può essere un tentativo di affrontare sentimenti diversi, inadeguati e ansiosi, ma non funziona bene per la maggior parte di noi - me compresa!

Il perfezionismo aggiunge un'enorme quantità di pressione. È estenuante e talvolta debilitante, ostacola l'avvio o il completamento di attività.

Può anche ridurre la nostra autostima e danneggiare le nostre relazioni. Quando abbiamo aspettative non realistiche per noi stessi e gli altri, siamo destinati a rimanere delusi. Non importa quanto duramente lavoriamo, non possiamo essere all'altezza dei nostri standard incredibilmente alti e nemmeno gli altri. Spesso rispondiamo con critiche: rimproveriamo noi stessi e gli altri per non aver fatto le cose alla perfezione.

E quando la nostra autostima dipende dai nostri successi, dobbiamo costantemente raggiungere sempre di più, spingendoci verso l'esaurimento e il burnout. Non c'è spazio per errori o difetti e non c'è compassione per errori e imperfezioni.

Potremmo pensare di dover guadagnare il nostro valore, il che significa che inseguiamo sempre la convalida esterna e non ci sentiamo mai abbastanza bravi perché abbiamo fissato uno standard impossibile per noi stessi.

Tendiamo anche a "giocare sul sicuro" attenendoci alle cose in cui eccelliamo per proteggerci da potenziali critiche e fallimenti.

E mentre il perfezionismo può temporaneamente proteggerci dalle critiche e dalla disapprovazione, è una scatola soffocante in cui vivere. Alla fine, il perfezionismo esaspera piuttosto che risolvere le nostre sfide come persone sensibili.

5 modi in cui gli HSP devono domare il perfezionismo

Il perfezionismo ci lascia esausti, sopraffatti e sentiamo peggio di noi stessi, ma possiamo moderare i nostri pensieri e comportamenti perfezionisti in modo che lavorino per noi, non contro i nostri sé sensibili. Ecco come.

1. Vedi la tua sensibilità come un punto di forza.

La tua sensibilità può renderti diverso dalla maggior parte delle persone, ma ciò non ti rende meno di chiunque altro. Imparare ad abbracciare gli aspetti positivi dell'alta sensibilità, come l'empatia, la creatività e il pensiero profondo, può migliorare il tuo senso di autostima e aiutarti a fare meno affidamento sulla convalida esterna e sui risultati per sentirti bene con te stesso.

2. Esercitati a tollerare le critiche.

La critica è una parte normale della vita e, per quanto possiamo, semplicemente non possiamo evitarlo. Per creare una tolleranza per questo, puoi chiedere a un amico fidato o un familiare di darti una delicata critica o feedback. Con la pratica, il pungiglione della critica diminuirà e imparerai come ignorare le critiche che sono meschine o inesatte e far uso di feedback costruttivi senza pensare meno a te stesso.

3. Vedere gli errori come opportunità piuttosto che fallimenti.

Tutti commettono errori e provano delusione quando le cose non vanno come previsto. Possiamo scegliere di vederli come fallimenti o possiamo vederli come opportunità di apprendimento - tempi preziosi per imparare e crescere, e prove che stiamo correndo rischi e andando oltre le nostre zone di comfort! Una mentalità di crescita, come questa, è un modo più sano e felice di affrontare errori e fallimenti.

4. Rallenta.

Come sapete, noi HSP abbiamo bisogno di più tempi morti, più tempo per passare da una cosa all'altra e più tempo da solo rispetto alla maggior parte delle persone. Trovare tempo per riposare e fare rifornimento di carburante significa che dobbiamo rallentare, fare di meno e fare le cose in modo imperfetto. È difficile accettare che non possiamo fare tutto e farlo perfettamente, ma il rallentamento migliora la qualità della nostra vita. La nostra salute mentale, la nostra salute fisica e le nostre relazioni traggono tutti beneficio quando fissiamo aspettative realistiche e ci prendiamo cura di noi stessi.

5. Trattati con compassione.

L'autocritica può essere una cattiva abitudine, qualcosa a cui ci siamo abituati, ma raramente è utile. Non tende a motivarci a fare meglio, ma piuttosto ci fa sentire senza speranza e inetti. La ricerca mostra che l'autocompassione, o essere gentile con te stesso quando stai lottando, è associato a stress ridotto, maggiore capacità di recupero e capacità di far fronte a fallimenti e critiche. Per iniziare a praticare l'autocompassione, puoi provare a confortarti con parole gentili o un tocco amorevole, come faresti con un caro amico.

Svolgere tendenze perfezioniste non è facile, ma con piccoli passi coerenti è possibile diventare più flessibili, accettanti e auto-compassionevoli. Se vuoi saperne di più, il mio nuovo libro The CBT Workbook for Perfectionism: Skills based on Evidence per aiutarti a lasciar andare l'autocritica, costruire l'autostima e trovare l'equilibrio è pieno di esercizi concreti per aiutarti a superare il perfezionismo e impara ad amare il tuo io imperfetto e sensibile.

Source by Sharon Martin www.highlysensitiverefuge.com

Elena Trucco