La scienza conferma che le emozioni colpiscono lpiù duramente le persone altamente sensibili

La vita è emotiva, non si può negarlo. Indipendentemente dalla nostra educazione, genere o personalità, tutti proviamo emozioni, alcune più forti di altre. Come disse una volta Earl Riney, "Le nostre emozioni sono le forze motrici della nostra vita".

Ma forse hai sospettato a lungo di provare emozioni più profonde di altre persone. La tua tristezza è un mostro che si accovaccia su pancia e petto. La tua gioia è un gruppo di palloncini che ti galleggiano in cielo. Piangi facilmente, ti agiti facilmente e altre persone ti hanno detto di "superarlo" o "irrigidirti", ma non puoi.

Se i tuoi sentimenti sembrano più grandi, più profondi e più intensi di quelli di altre persone, è perché lo sono. Ma non crederci sulla parola; è scienza. Lasciatemi spiegare.

Sei una persona altamente sensibile?

Prima di entrare, voglio essere chiaro su qualcosa: quando parlo di emozioni intense, non parlo di una condizione di salute mentale, ad esempio depressione clinica, che può sembrare una continua disperazione o disturbo borderline di personalità, che può sembrare una montagna russa emotiva che non si ferma. Se stai vivendo pensieri di suicidio o autolesionismo, chiedi subito aiuto qui.

Sto parlando della capacità di sentirsi profondamente nella vita di tutti i giorni, sia nel bene che nel male. Sto parlando di persone altamente sensibili.

Il termine persone altamente sensibili (HSP) si riferisce al 15-20 percento della popolazione che elabora profondamente la stimolazione - tutto, dagli stimoli visivi agli odori ai propri pensieri. A volte indicato come sensibilità dell'elaborazione sensoriale, questo tratto è completamente normale e salutare e presenta in realtà molti vantaggi. Sebbene la ricerca dimostri che essere altamente sensibili non è semplicemente lo stesso di "essere emotivo", c'è una dimensione emotiva nel tratto.

Gli HSP sentono più emozioni negative

Tre studi recenti mostrano quanto possano essere grandi le emozioni per le persone altamente sensibili. Il primo, pubblicato nel 2015 sull'Australian Journal of Psychology, ha coinvolto oltre 150 partecipanti di età compresa tra 18 e 60 anni. I partecipanti hanno compilato sondaggi sui loro livelli di stress, ansia e altre emozioni negative, tra le altre cose. I ricercatori hanno anche determinato se i partecipanti erano o meno HSP, utilizzando la scala per persone altamente sensibili sviluppata dalla dott.ssa Elaine Aron.

I risultati? Gli HSP erano più consapevoli dei loro sentimenti negativi e ne sperimentavano di più - depressione, ansia, stress - rispetto ad altre persone.

Wow, potresti dire, quanto deprimente.

Ma prima di alzare le mani e decidere di essere condannato a essere una persona infelice, questa non è l'intera storia - continua a leggere.

Gli HSP sentono le emozioni positive più intensamente

Si scopre che, oltre a provare emozioni negative più intensamente, anche gli HSP si sentono anche più intensamente positivi.

Nel secondo studio, pubblicato nel 2016 su Social Behaviour e Personalità, i ricercatori hanno mostrato immagini emozionanti a quasi 100 partecipanti, metà dei quali erano HSP, l'altra metà testata in basso sulla scala di sensibilità del Dr. Aron.

Rispetto agli altri partecipanti, gli HSP hanno valutato le immagini, specialmente quelle positive, come significativamente più intense a livello emotivo. Hanno anche risposto più velocemente alle immagini positive.

Quindi, mentre i minimi possono essere più bassi, gli alti possono essere più alti.

Il cervello di HSP è cablato per l'emozione

Infine, un terzo studio ha confrontato un gruppo di donne, alcune estremamente sensibili e altre no, utilizzando nuovamente immagini che suscitano emozioni e immagini cerebrali. Rispetto agli altri partecipanti, gli HSP hanno semplicemente mostrato una maggiore attivazione in aree del cervello associate all'emozione, ai ricordi emotivi e all'elaborazione delle emozioni.

Sì, i nostri sentimenti sono grandi ... quindi che diamine facciamo?

Per gli HSP, la regolamentazione emotiva è la chiave

Torniamo al primo studio che ha scoperto che gli HSP provano più emozioni negative. Perchè è questo? Sono ancora necessarie ulteriori ricerche, ma gli scienziati ritengono che la ragione abbia a che fare con la regolazione emotiva. Un'altra scoperta significativa di quello studio: gli HSP ne fanno meno delle altre persone.

Perché la regolamentazione emotiva è così importante? Bene, se le nostre emozioni sono le risposte fisiologiche, comportamentali ed esperienziali alla nostra valutazione di una situazione, allora la regolazione emotiva è ciò che facciamo al riguardo.

Ad esempio, se sei frustrato, fai un passo indietro? Se sei stressato, vai a camminare al sole? Se sei arrabbiato, puoi trovare un motivo per ridere invece? Questi sono esempi di sana regolazione emotiva.

Perché gli HSP lottano con una sana regolazione emotiva? Forse abbiamo avuto così tante brutte esperienze che le strategie tipiche non funzionano per noi (questo mondo pazzo e rumoroso non è fatto per gli HSP). Forse a causa della nostra profondità di elaborazione, le nostre emozioni negative rimangono semplicemente più a lungo (continuiamo a rigirarle continuamente nelle nostre menti). O forse alcuni di noi non hanno imparato sane strategie di coping quando eravamo giovani (la maggior parte dei genitori non sa come coltivare meglio un bambino HSP).

Indipendentemente dal motivo, se stai lottando in quest'area, non è colpa tua e non dovresti vergognarti, ma ci sono alcune cose che puoi fare da qui in poi che ti aiuteranno.

Come migliorare il tuo regolamento emotivo

Migliorare la regolazione emotiva potrebbe essere un altro articolo in sé e per sé - anzi, una serie di articoli seguiti da un corso permanente - ma ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a iniziare.

Aron, autore di The Highly Sensitive Person, raccomanda questi cinque semplici passaggi:

Accetta i tuoi sentimenti.

Non vergognarti di loro.

Credi di poter farcela come fanno gli altri.

Fidati che i tuoi cattivi sentimenti non dureranno a lungo.

Supponi che ci sia speranza: alla fine puoi fare qualcosa per i tuoi cattivi sentimenti.

Un'altra strategia è quella di immaginare di avere due cervelli: un cervello "emotivo" e un cervello "cognitivo". Il cervello cognitivo, secondo Julie Bjelland, una terapista che serve gli HSP, è la parte razionale di noi basata sui fatti che aiuta a controllare le nostre emozioni. Quando il nostro cervello emotivo diventa troppo attivato, il nostro cervello cognitivo essenzialmente “va a dormire”. Quindi la chiave è riportare il tuo cervello cognitivo in linea.

Come puoi farlo? Essenzialmente attraverso il linguaggio. Devi usare il tuo cervello cognitivo per trovare le parole che vuoi scrivere o dire. Quindi, quando provi grandi emozioni, prova a parlare con qualcuno di supporto o journaling.

Bjelland raccomanda inoltre di controllare attivamente le tue emozioni durante il giorno. Potresti farlo ogni volta che vai in bagno (o qualsiasi altra attività ripetitiva). Ponetevi queste due domande in modo compassionevole e amorevole:

Come lo sto facendo?

Di cosa ho bisogno?

"Rimarrai stupito di quanto ti sentirai meglio quando continuerai a controllare te stesso e manterrai quel cervello cognitivo sveglio, supportando il tuo cervello emotivo", mi ha detto Bjelland via e-mail.

La linea di fondo è che puoi imparare la regolazione emotiva. Sebbene i grandi sentimenti saranno sempre lì per gli HSP, non devono dominarci.

Source by www. highlysensitiverefuge.com by Jenn Granneman



Elena Trucco