Come una Persona Altamente Sensibile può imparare a dire no

Perché è difficile per le Persone Altamente Sensibili dire di no?

Ci sono un certo numero di fattori complicanti.

Le Persone Altamente Sensibili sono generalmente molto brave nel risolvere i problemi. Potresti trovare una risposta prima che tutti conoscano la domanda. Potresti avere più competenze e potresti risolvere il problema più velocemente e più facilmente di chiunque altro. Se hai l'intuizione e l'abilità che risolveranno un problema, non sei obbligato a farlo?

Ulteriori informazioni
Questo semplice trucco mentale ha aiutato migliaia di P.A.S. a bypassare il sovraccarico emotivo

Ci sono due parti nel cervello: il cervello emotivo / irrazionale (sistema limbico) e il cervello pensante / razionale (cervello cognitivo). Quando il tuo cervello emozionale è attivato, il tuo cervello pensante va praticamente a dormire. Quando avverti sintomi di ansia, che attivano il tuo sistema limbico, il tuo cervello crede di essere in serio pericolo. Questo è un modo per preparare il cervello ad una reazione utile alla fuga o alla lotta.

Le persone più sensibili (HSP Highly Sensitive Person o P.A.S in Italia) trascorrono più tempo nel cervello emotivo rispetto ai non P.A.S.

Ulteriori informazioni
Elena Trucco
Come trovare il coraggio di amare ancora dopo essere stato ferito

Appoggiarsi all'amore e alla connessione può sembrare di andare in battaglia senza alcuna armatura, specialmente se sei stato profondamente ferito in passato. All'inizio, le esperienze d'amore romantiche possono essere facili e senza sforzo, come correre ingenuamente nel campo di battaglia aperto. Ma una volta che siamo stati feriti, tendiamo a triplicare la quantità di armature di cui abbiamo bisogno per il prossimo round. Troppa armatura rende difficile muoversi liberamente. Camminiamo rigidi e ipoprotetti. Sebbene lo scopo sia quello di impedire alle persone di ferirci, ci impedisce anche di essere in grado di fare i nostri confronti significativi.

Ulteriori informazioni
7 cose che vorrei che la mia famiglia conoscesse su di me da Persona Altamente Sensibile.

Quando ero un bambino altamente sensibile cresciuto in una famiglia non altamente sensibile, ho lottato con l'autoaccettazione. Non avevo mai sentito le parole "persona altamente sensibile" (P.A.S.), né sapevo che i miei tratti sensibili erano condivisi da circa 1 persona su 5 nel mondo. Sapevo solo che c'era qualcosa di intrinsecamente diverso in me e, da bambino, non mi sembrava una cosa buona. 


Ulteriori informazioni
Persone Altamente Sensibili: spiegare questo tratto della personalità.

Molti P.A.S. mi chiedono come descriverei questo tratto a qualcuno.

Penso che quando vogliamo spiegare a qualcuno questo tratto è importante farlo con un sentire energetico di qualcuno che sta spiegando qualcosa che è entusiasta di aver sperimentato su se stesso. Se ne parliamo come se qualcosa non andasse in noi, allora pensiamo che ci sia qualcosa che non va. Quindi inizia con la proiezione che questo è un tratto fantastico che ha molti aspetti positivi e anche alcune sfide.

Ulteriori informazioni
5 Strategie per Persone Altamente sensibili di gestire le "trappole" emotive

Quali sono le “trappole” emotive, dette anche trigger di cui sono vittime le Persone Altamente Sensibili? Sono quei tasti super-reattivi dentro di te che si attivano rispetto a comportamenti o commenti di qualcun altro.

Quando uno di questi tasti viene attivato, puoi ritirarti emotivamente e semplicemente sentirti ferito o arrabbiato - o persino rispondere in modo aggressivo di cui probabilmente ti pentirai poco dopo. Noi P.A.S. sappiamo bene di cosa parliamo . La tua reazione è così intensa perché ti stai difendendo da una sensazione estremamente dolorosa che è emersa.

Ulteriori informazioni
Perché le persone altamente sensibili reagiscono così fortemente alle critiche?

Anni fa, su un forum online dove pensavo si svolgesse un dibattito sano, una persona (che non era un terapeuta) era intervenuto su come la mia natura sensibile fosse "fuori luogo" rispetto a come un counselor dovrebbe comportarsi. Mi sono frustrato, pensando: "Anche i counselor sono umani. Non siamo sempre in servizio. "

Essereun professionista della relazione di aiuto non vuol dire che sono immune alle stesse reazioni che provano molte altre persone altamente sensibili, specialmente quando si tratta di ricevere critiche. Sarebbe bello semplicemente "scrollare le spalle le cose", ma per molti P.A.S, questa non è un'opzione. Il nostro legame biologico ci fa elaborare profondamente tutti gli stimoli, comprese le parole di altre persone. Le persone sensibili sensibili reagiscono così fortemente alle critiche

E le nostre reazioni emotive - incluso il sovraccarico che sentiamo quando qualcuno ci critica - non sono solo un interruttore della luce che possiamo spegnere.

Ulteriori informazioni
Come superare l'insicurezza se sei una Persona Altamente Sensibile

Ho lottato con l'insicurezza per buona parte della mia vita. Ricordo che probabilmente non avevo più di 4 o 5 anni, mi guardavo le gambe e pensavo che odiassi il modo in cui le mie ginocchia apparivano. Che strano pensiero avere un bambino, giusto? Ma questa insicurezza è andata più in profondità del mio aspetto fisico.

Nel profondo, ho combattuto a lungo con la convinzione che qualcosa è intrinsecamente sbagliato in me. Ogni piccola cosa di me diversa da quella che mi circondava mi sembrava un'evidenza evidente nella mia personalità. Perché non mi piacevano i miei amici oi miei fratelli?

Da bambino, mi piaceva giocare da solo (per la maggior parte), mi piaceva pensare profondamente alle cose, sentivo un sacco di emozioni forti, ed ero sopraffatto da cose apparentemente "piccole" che non infastidivano gli altri bambini - come semplicemente andare a scuola o andare a dormire nelle case degli amici. Nel complesso, mi sono sentito molto "strano" e diverso dai ragazzi della mia età.

Ulteriori informazioni
Qual è il super potere delle Persone Altamente Sensibili così difficile da spiegare?

È sempre difficile spiegare cosa vuol dire essere una Persona Altamente Sensibile a qualcuno che non ne ha mai sentito parlare prima. E, anche se ne hanno sentito parlare, spesso non lo "capiscono". La maggior parte delle persone pensa che siamo "troppo sensibili", che dobbiamo rafforzarci, aumentare la nostra autostima o che la nostra sensibilità è qualcosa che possiamo attivare e disattivare. Ma non possiamo.

Ed è particolarmente difficile quando è una persona amata. Mio padre, ad esempio, come la maggior parte di noi, è cresciuto con l'idea che la sensibilità sia un segno di debolezza, qualcosa da evitare. Una delle maggiori sfide nello spiegare l'alta sensibilità è convincere gli altri, per la prima volta, a considerare la possibilità che sia una forza, l'opposto di ciò che ci è stato insegnato.

Ulteriori informazioni
Quando sei molto sensibile, il rischio più grande è che tu ti chiuda nel tuo mondo.

Marta è una Persona Altamente Sensibile.

E’ stata una bambina difficile da sempre con tante emozioni da gestire e poco comprese da tutti. Ha imparato a rendersi “tollerabile” agli occhi degli altri. Ha capito nel tempo che, quando si esce di casa , bisogna lavarsi i denti, pettinarsi, sorridere agli altri ed essere garbati; ha capito presto che non si deve sempre dire tutto quello che si pensa altrimenti si rischia di restare soli. Ha capito che per avere amici o amiche bisogna rendersi simile agli altri e che non si deve essere troppo “pesanti” ma assumere quella leggerenza che proprio non le appartiene.

La leggerenza che la rende simpatica e piacevole da frequentare, a costo di reprimere ogni suo stato d’animo così malinconico e incomprensibile agli altri. Ma Marta è spesso triste senza motivo, semplicemente perchè la vita per lei è faticosa anche se non ha problemi evidenti; fa fatica a prendere l’autobus che la porta al lavoro; quel viaggio in realtà le pesa come fare una maratona, le pesa addirittura di più di tutta la giornata di lavoro intera, perchè Marta fa un lavoro che le piace. Non si sa come, non se lo spiega nemmeno lei, ma ha avuto la capacità di direzionarsi verso un lavoro che le piace e che la gratifica: insegna yoga e sta a contatto, a livello profondo, con le persone ogni giorno, lproprio quello che le piace di più.

Ulteriori informazioni
5 cose che posso insegnare ai miei figli come genitore Altamente Sensibile

Sono una Persona Altamente Sensibile, semplicemente non lo sapevo. Pensavo di essere "troppo sensibile", "troppo emotivo" o "troppo drammatico". Ma è solo perché è quello che mi è stato raccontato per tutta la vita, anche dai miei genitori.

Negli ultimi anni, ho lavorato per cambiare la mia auto-percezione. Ho lavorato per vedere la sensibilità e l'emozione come i punti di forza che sono realmente e non come un difetto come molte persone li vedono, compresi i propri cari.

Ma non lo sto facendo solo per me stesso. Lo sto facendo per i miei figli. E, come genitore molto sensibile, ci sono alcune verità importanti che voglio che imparino.

Ulteriori informazioni
Elena Trucco
Le 7 migliori carriere per una persona altamente sensibile

Quando senti la parola "carriera", quali sentimenti ti vengono in mente? Pensi di fare qualcosa che non vuoi veramente fare, solo per guadagnare uno stipendio? Ti immagini padroni prepotenti e un fuoco freddo sulla produttività? Se sei una persona molto sensibile, ci sono buone probabilità che il lavoro non sia una parte soddisfacente della tua vita.

Ovviamente, le persone altamente sensibili (P.A.S.) non sono le uniche a stressarsi per trovare il lavoro giusto. Ma le Persone Altamente Sensibili affrontano ostacoli che molti altri lavoratori non hanno. Per loro significa essere incline ad sopraffatti, puoi lottare con scadenze affrettate e sei particolarmente sensibile ai fattori di stress sul luogo di lavoro, comprese le personalità di coloro con cui devi lavorare. Forse la cosa più importante è che le persone altamente sensibili cercano un significato nel loro lavoro, e veramente non sono al loro meglio senza di esso.

E troppo spesso, il mondo degli affari semplicemente non è impostato per accogliere o addirittura mostrare preoccupazione per queste esigenze.

Ulteriori informazioni
11 cose che vorrei che le persone conoscessero di una Persona Altamente Sensibile

Essere sensibili significa spesso essere fraintesi. Le persone altamente sensibili nascono con un sistema nervoso particolarmente sensibile e elaborano tutto un po 'di più rispetto alle altre persone - il che cambia il modo in cui vivono il mondo. Sfortunatamente, ciò può creare malintesi, anche con amici e persone care.

Anche se non tutti quelli che sono sensibili sono uguali, condividiamo molte esperienze, ed è difficile quando i nostri amici più cari non ci "comprendono". Qui ci sono 12 cose che vorrei che le persone che vivono accanto ad una Persona Altamente Sensibile dovrebbero sapere su di noi.


Quello che vorrei che gli altri conoscessero di una Persona Altamente Sensibile

1. Divento pazzo quando il mio stomaco è vuoto.

Ulteriori informazioni
La differenza tra introversi, empatici e persone altamente sensibili - By Andre Sólo

Le persone spesso raggruppano introversi, empati e persone altamente sensibili. Sebbene condividano alcuni tratti simili, sono tutti molto diversi. Quindi qual è la differenza? Ti vedi in una o più di queste categorie? Diamo un'occhiata.

Introversi

Negli ultimi dieci anni c'è stata molta consapevolezza riguardo agli introversi e molte persone ora capiscono che essere un introverso non ti rende necessariamente timido o asociale. In effetti, molti introversi sono persone sociali che amano passare il tempo con alcuni amici intimi. Ma gli introversi si svuotano rapidamente in quelle situazioni sociali e hanno bisogno di molto tempo da soli per ricaricarsi. Ecco perché spesso gli introversi preferiscono restare o passare del tempo con solo una o due persone piuttosto che con un grande gruppo.

Ulteriori informazioni
Elena Trucco
Cosa succede quando un P.A.S. cresce in un ambiente che nega le sue emozioni?

Se sei molto sensibile, ci sono buone probabilità che tu possa provare emozioni in un modo molto forte, al punto che le tue emozioni possono allagarti. Questo perché le persone altamente sensibili (HSP) nascono con un sistema nervoso che elabora e "sente" le cose molto più profondamente rispetto alla persona media. La maggior parte delle HSP sono consapevoli dei propri sentimenti e dei sentimenti degli altri, che possono essere un dono potente.

Ma cosa succede quando cresci in una famiglia che non apprezza questo tratto?

Ulteriori informazioni
Scelgo Sempre Il Peggio Per Me!

Sono sempre stata una bambina molto sensibile ai limiti della patologia, direi e mi sono sempre sentita dire che avevo “le palle”; probabilmente, con il senno del poi, era un’esigenza del mio papà vedermi con le palle ed era allo stesso tempo una sua aspettativa.

Faceva fatica ad entrare in relazione con me…donna, l’ho capito da grande.

Beh quelle palle che mi sono sempre sentita dire di avere ad un certo punto ho creduto di averle davvero, ma non era così. Mi muovevo goffamente in un abito che non era il mio ostentando le famose “palle” che non avevo. Risultavo aggressiva senza motivo; non sapevo davvero cosa volesse dire avere le palle.

Mio padre era come me un uomo buono in un abito da "duro", ho imparato da lui ed anche lui era goffo e sofferente.

In realtà, se avessi potuto, se mi fosse stato permesso, avrei mostrato la mia estrema sensibilità che ritengo sia un grande punto di forza e di partenza e non di debolezza, come spesso ci hanno insegnato.

Ulteriori informazioni
Cosa Fare Se La Tua Famiglia D'origine Non Ti Riconosce?

La famiglia rappresenta per tutti noi il nostro punto di partenza, il nostro primo via.Le nostre origini, le nostre abitudini, le nostre credenze, la nostra provenienza e la nostra appartenenza......ma molto spesso le cose non vanno esattamente così.

Indubbiamente c'è a chi è andata meglio e chi è andata peggio.

C'è chi si sente profondamente radicato alla propria famiglia e, nonostante le tante difficoltà comunque , la propria famiglia è sempre un porto sicuro a cui tornare.

Quella certezza, quella presenza che, qualunque cosa accada è lì a sostenerti e ad incoraggiarti.

Ma spesso le cose non sono così.

Ulteriori informazioni
Come Mai Ci Capita Di Rimanere Delusi Dagli Altri? E Come Fare Perché Non Succeda Mai Più?

Quante volte ti succede di rimanere delusa da una persona?

Quante volte sei entusiasta all'inizio di un rapporto e poi, poco dopo, rimani così delusa da non voler più frequentare quella persona così  da stravolgere completamente la percezione che hai dell'altro, rispetto a come era  all'inizio del vostro rapporto?

Sei partita così entusiasta che non ti sembra vero che l'idea che hai dell'altro si sia modificata così tanto e a volte in così poco tempo.

E ti succede sempre, sistematicamente parti entusiasta e finisci per essere delusa.

Ulteriori informazioni
Il concetto di relazione come conto corrente emozionale.....mi ha cambiato la percezione

Ho letto un bellissimo libro qualche mese fa che ha letteralmente cambiato la mia percezione sul concetto della relazione. Le relazioni, il tema della mia vita, quello in cui, per anni , ho creduto di riuscire peggio. Ora che vivo di questo e mi riconosco una grande capacità nelle relazioni, forse la mia più grande (oltre a saper fare dei meravigliosi dolci) mi chiedo come ho fatto a mortificare di me una cosa così importante. Un mio punto di forza l’ho trasformato nel mio peggior difetto….sono stata ingiusta con me stessa, facendomi influenzare dal concetto che gli altri avevano di relazione: secondo il concetto altrui e forse quello più comune, io non ero abile!

Ulteriori informazioni
Come migliorare la propria ipersensibilità partendo dall'autostima

C’è gente che ricerca sè stesso da una vita senza arrivare  a cambiare nulla di importante. 

Le strade sono molte, le soluzioni proposte infinite ed il tema del benessere è un tema di grande moda, quindi si rischia concretamente di perdere tempo senza mai mettere in pratica cambiamenti concreti.

L’autostima è la base di tutto il nostro benessere o malessere.

Sapevate che l’autostima si forma già da quando siamo molto piccoli e che già da piccoli siamo in grado, a seconda di quello che ci succede intorno, di formare in maniera solida una percezione di noi.

Percezione che prende forma e si consolida anche perchè sempre noi, in seguito, andiamo a ricercare esperienze che confermino quella nostra stessa percezione.

Ulteriori informazioni