Come mai le Persone Altamente Sensibili avvertono la sensazione costante di "affogare" nelle loro emozioni?

Se sei una persona altamente sensibile (HSP) come me, sai cosa vuol dire essere veramente "allagato". L'inondazione è un altro termine per essere sopraffatto emotivamente o mentalmente, e le HSP sono particolarmente sensibili a causa del modo in cui i nostri cervelli sono cablati.

I nostri sistemi nervosi hanno una "soglia" inferiore, il che significa che siamo più sensibili agli stimoli. C'è anche la prova che c'è una sovrapposizione tra le parti del cervello che influenzano la nostra alta sensibilità e le nostre risposte empatiche.

In altre parole: il cervello dell'HSP (Acronimo di Highly Sensitive Person) è cablato per essere pronto a rispondere al proprio mondo.

E quella risposta a volte può essere estremamente scomoda.

Cosa significa essere sentirsi soprafffatti??

Immagina di avere 8 anni ed è passata da un’ora l'ora di andare a letto, ma hai un disperato bisogno di un biscotto, quindi vai di soppiatto al piano di sotto nella modalità stealth per evitare di essere scoperto dai tuoi genitori. Apri il barattolo e abbassi delicatamente il coperchio, prendi il biscotto con la mano ma ti immobilizzi perchè sei sicuro di aver appena sentito un rumore.

Immediatamente il tuo cuore inizia a battere, le tue orecchie pulsano mentre si sforzano di sentire qualsiasi rumore, i tuoi tempi del corpo si preparano a muoversi alla velocità della luce se i tuoi genitori sanno davvero che eri alla ricerca di un biscotto ... e il tuo cervello inizia a sviluppare possibili spiegazioni per essere fuori dal letto.

Questo è molto simile a come funzionano gli HSP nella vita di tutti i giorni. I nostri corpi e le nostre menti sono costantemente attenti, pronti a reagire a qualsiasi situazione con le necessarie risposte emotive o fisiche. (Fai un respiro, a proposito - sei riuscito a prendere il biscotto e ad andare di nascosto a letto inosservato!)

A causa di questa maggiore prontezza a rispondere a qualsiasi situazione, è più facile per gli HSP essere sopraffatti dalle cose .

Ad esempio, una persona molto sensibile può essere influenzata da:

Luci brillanti

Rumori semi-rumorosi

Un cambiamento di temperatura

Un leggero cambiamento nell'umore di qualcuno

... o qualsiasi altra cosa che cambia senza preavviso

Dato il modo in cui siamo influenzati anche da queste parti sottili della vita, le "grandi" cose sono molto più grandi anche per noi. È quando di fronte a cose come incontrare il tuo capo, affrontare un cambiamento di lavoro, affrontare il conflitto con un amico, o ascoltare qualcuno sfogarsi, la nostra reattività può portarci a sentirci sopraffatti (…)

Come riconoscere l'inondazione

Sentirsi sopraffatti è diverso per tutti, ma è probabile che te ne accorgerai quando accadrà. I sintomi possono includere:

Potresti avere difficoltà a focalizzarti mentre il tuo cervello viene sopraffatto cercando di elaborare le informazioni.

Potresti sentirti improvvisamente ansioso - o ti ritiri mentalmente mentre il cervello "si surriscalda"

Sei combattuto tra il risolvere la situazione o il fuggire in "sicurezza".

Potresti non controllare le emozioni. Potresti non essere in grado di spiegare quali emozioni provi.

Potresti avere sintomi fisici come mani sudate, visione a tunnel o vertigini.

Esteriormente,il sentirsi sopraffatti può sembrare panico o uno spegnimento completo.

Qualunque sia la forma, essere sopraffatti è una sensazione spiacevole, e può richiedere molto tempo per scendere.

7 modi per affrontare le inondazioni emotive

Qui ci sono le tecniche da impiegare quando sei inondato, così come quando hai bisogno di decomprimerti in seguito:

1. Lasciare se è necessario

Valutare onestamente se è necessario andarsene. Se hai pensieri di panico o pericolosi, hai il diritto di scusarti educatamente per un momento e di fare ciò che devi fare per raggiungere mentalmente un posto sano. Potresti andare in bagno, in sala relax o in auto per un paio di minuti e respirare, chiamare un amico o ascoltare la tua canzone preferita. Se devi andartene, hai il permesso di farlo.

2. Respira

Questa è probabilmente la tecnica di riduzione dell'ansia più comune e troppo enfatizzata mai suggerita ... ma c'è una ragione per questo. Respirare funziona davvero! E può essere fatto sottilmente. Prova a fare un grande respiro e poi a soffiare velocemente. Oppure, inspira fino a cinque, quindi espira contando fino a cinque. Vai più lentamente di quanto ritieni sia normale; presto la frequenza cardiaca inizierà a scendere e l'ossigeno aiuterà il cervello. L'ansia ti dirà che non puoi permetterti di rallentare il respiro, ma provalo comunque. Ne vale la pena.

3. Conta le cose

Sembra strano, ma funziona. Puoi contare cinque cose che vedi, quattro cose che senti, tre cose che puoi toccare, ecc. Oppure puoi contare fino a 100. Il conteggio all'indietro di incrementi di tre è particolarmente efficace in quanto coinvolge il cervello più che contare, prendendo così il tuo cervello fuori dalla modalità ansia.

4. Prova a toccare

Allo stesso modo, molti HSP beneficiano di una tecnica chiamata "tapping". Questa tecnica consiste nel toccare delicatamente determinati punti del tuo corpo per distrarre la parte ansiosa del cervello e reinserire i tuoi centri logici.

5. Praticare la meditazione

La meditazione può essere utile dopo questi avvenimenti poiché calma il cervello e riporta la concentrazione sul presente. Praticarla costantemente può aiutare a ridurre la frequenza di iperstimolazione. Ci sono molte app per questo, come Breathe, Headspace e Calm.

6. Premiati

Siamo reali - questi momenti fanno schifo. Quindi, al momento, sii tanto empatico con te stesso quanto lo saresti con il tuo migliore amico se fosse sopraffatto. Parla a te stesso di pensieri gentili e non giudicanti. Convalida il tuo corpo e la risposta della mente dicendoti qualcosa come "Ehi, sì, mi sento isopraffatto, ma sto bene, e mi sentirò molto meglio in un paio di minuti."

E sii buono con te stesso. Puoi essere frustrato dal fatto che “l'alluvione” sia avvenuta, ma non essere frustrato con te stesso per essere stato sopraffatto. Vedilo come un risultato che hai superato e ricompensa te stesso con un po 'di cura di sé, che sia un caffè latte (certamente decaffeinato dopo essere stato sopraffatto), preparare una cena preferita o fare una lunga passeggiata.

7. Dillo a qualcuno

La parte più spaventosa di questi momenti è la sensazione che tu sia l'unico ad averli. Trova qualcuno di fiducia ed esprimi come hai reagito a una situazione. Molto bene potrebbero sapere esattamente come ti senti (o potrebbero semplicemente conoscere altri HSP).

Ad ogni modo, parlarne è utile perché normalizza la tua esperienza, e poi se le inondazioni si ripetono, hai già un alleato nella tua corte che può aiutarti mentre fai ciò che devi fare per prenderti cura di te stesso. (E se questa è un'esperienza comune per te, parlare con un terapeuta professionista o un consulente può essere un'altra grande linea d'azione.)

Se sei un HSP, la sopraffazione potrebbe essere un evento normale nella tua vita, ma sappi che non sei solo - e ci sono molti modi per aiutare te stesso attraverso quei momenti.


Source By Lauren Trittin - www. highlysensitiverefuge.com


Elena Trucco