7 "Regole" per le persone altamente sensibili per proteggere la loro energia

Sono una persona altamente sensibile e, a dire la verità, non è facile esserlo. Non sono come gli altri, e a volte non mi adatto. Ho poca pazienza per una conversazione superficiale,per le regole arbitrarie, ambienti rumorosi e disordinati, odio le intenzioni cattive. Posso "sentirlo" quando ci relazioniamo profondamente e sono altrettanto consapevole quando non lo facciamo. E sono interessato alle conversazioni che arrivano alla radice delle cose; Non mi interessa ascoltare discorsi superficiali.

Tuttavia, non sono sempre stato in grado di esprimere queste preferenze. Sono cresciuto credendo di essere solo troppo sensibile. Ho formato spesse barriere intorno a me per proteggermi dalle emozioni. L'emozione, nel mio mondo, poteva e sarebbe stata usata contro di me.

Sfortunatamente, bloccare emozioni negative o tristi blocca anche quelle belle. Non ero una persona felice. Di conseguenza, cercare di adattarsi e rendere le persone come me è diventato estenuante. Non ero in grado di dire di no, semplicemente perché volevo l'approvazione - e sono finito per sentirmi schiacciato dalle richieste esterne.

Oggi, sto lavorando per vivere una vita più autentica. La cura di sé è un nuovo termine per me, e sto realizzando sempre di più l'importanza di stabilire dei limiti. Chiunque è il benvenuto nel mio mondo, ma ci sono alcune regole. Sto scegliendo di non essere manipolato, o rifiutarmi nel fare cose che non sono in linea con la mia visione per una vita sana.

Conosci la parte pazza di tutto questo? Ho migliori relazioni e un senso di appartenenza più forte ora. Qui ci sono sette "regole" che seguo e che proteggono la mia energia come una persona altamente sensibile (HSP) e possono anche aiutare a proteggere la tua energia.

1. Se non sei gentile, non puoi stare nel mio mondo.

Essere una persona molto sensibile significa che le relazioni sono l’elemento “più acceso” sul mio radar, a causa del modo in cui il mio cervello è cablato. Quindi quando qualcuno fa commenti passivi-aggressivi, il mio radar lo coglie immediatamente. Non lo lo faccio vedere , ma fcredimi che succede proprio così. Allo stesso modo, quando la conversazione vira verso il gossip, può essere così facile essere risucchiato nella negatività, e mi fa sempre sentire orribile solo per aver partecipato in qualche modo. E se parli con me o mi fai sentire giudicato perché non ti piace ciò che vedi o senti, non va bene neanche così.

Certo, sarò gentile con te se entriamo in contatto, ma non sei il benvenuto nella mia casa. L'energia che emana la negatività è come un veleno per me, e non è ciò che desidero assorbire. Quindi evito queste persone a tutti i costi.

2. Limita il contatto con persone che approfittano della tua generosità.

Le persone altamente sensibili sono donatrici per natura. Empatici e premurosi, vogliamo aiutare quando possibile. Ma ci sono alcune persone che approfitteranno della nostra generosa natura. Trascorrere troppo tempo con loro a volte può davvero farmi sentire fisicamente male per la stanchezza.

Conosci il tipo. Questi sono quelli che vogliono sempre qualcosa, si lamentano sempre o giocano sempre alla vittima. Sai, colui che deve metterti in discussione: "Beh, se pensi che sia male, dovresti sapere cosa mi è successo." Queste persone ti succhiano se ti permettono di farlo. Se potessero, vorrebbe che tu portassi i loro figli alla pratica del calcio e facendoli cenare mentre sono al centro benessere!

3. Fermare la glorificazione di occupato.

Viviamo in una cultura che glorifica "l'a produttività". Se non sei occupato, non sei produttivo, forse addirittura sei pigro. Vorrei suggerire che non è sempre così. Se sei costantemente indaffarato, non puoi impegnarti a nulla, non avere il tempo di aiutare un amico una volta ogni tanto, o sei continuamente stressato e esausto, potrebbe essere il momento di rivalutare. Stai vivendo la vita come vuoi, o ti senti come se stessi girando come una trottola ? Fai cose che ti piacciono, anche solo occasionalmente?

Ero solito pensare che dovevo dimostrare la mia dignità con una carrellata di tutti gli appuntamenti, i giochi di calcio, i club, le riunioni della Società dei Martiri, ecc. Ora, sono deliziosamente, sfiduciato, poco impegnato.

Prendo tempo per bere una tazza di tè e giocare con i miei figli. Vuoi incontrarti per un caffè? Certo, ho tempo. Come persona molto sensibile, adoro le conversazioni significative su una bevanda calda.

E sì, certo, ho un milione di cose da fare, ma ho dato la priorità e ho eliminato le cose dalla mia lista di cose da fare che non mi piace con la mia visione della mia vita - o almeno la visione per oggi. Alcuni giorni sono occupati e non posso fare diversamente. Lo riconosco. Non sto dicendo che dovresti lasciare il tuo lavoro e smettere di dar da mangiare ai tuoi figli! Ovviamente alcune cose sono obbligatorie.

Ma seriamente, la priorità. La tua dignità non è legata alla tua produttività - non permettere a nessuno di convincerti del contrario.

4. Leggi di più.

So di non essere l'unica persona molto sensibile che si nutre di libri. Ne ho bisogno come fosse cibo. Ci sono stati molti anni in cui non ho avuto il tempo di leggere. Ho pensato che fosse egoista.

Ma leggere è il tipo di tempo morto che calma e informa. È una vittoria. Non c'è niente di meglio della connessione che accade quando parole scritte decenni o addirittura secoli fa parlano al proprio cuore e ci ricordano che non siamo soli.

5. No è una risposta completa.

Non hai bisogno di un motivo per dire di no. La gente non chiede quasi mai perché. Se dire subito no ti fa sentire troppo a disagio, prova a prenderti un po 'di tempo per rispondere. Ad esempio, "Puoi fare tre dozzine di cupcakes per la vendita di prodotti da forno?" Tu: "Wow, mi piacerebbe aiutare con la vendita di prodotti da forno, ma prima dovrei controllare il mio programma. Tornerò da te. "Questo ti dà il tempo di pensarci. Forse lo vuoi fare. Ma se non lo fai, ti dà il tempo di trovare una soluzione alternativa come l'acquisto di cupcakes piuttosto che cuocere al forno.

Se qualcuno non accetta il no per una risposta, potrebbe essere il momento di sedersi e discutere i confini. Trovo che ciò accada il più delle volte nelle famiglie. Se non riesci a delineare i confini, fidati di me, vivrai nel risentimento. Lo so, perché sono stato lì. Avere una conversazione onesta può essere difficile, soprattutto per noi persone altamente sensibili, perché il conflitto può essere troppo stimolante per noi. Ma il risentimento può essere molto più difficile su una relazione rispetto a una conversazione onesta nel lungo periodo.

6. Va bene sentire "troppo".

È difficile vivere in questo mondo che può sembrare così triste, distrutto e solo. Dal punto di vista di una donna, a volte nascondiamo i nostri veri sentimenti perché non vogliamo perpetuare l'idea che le donne siano irrazionalmente emotive o, peggio, emotivamente instabili. Neanche per un uomo molto sensibile è più facile mostrare i suoi sentimenti. Ma può diventare pericoloso quando imbottigliamo le nostre emozioni. Ovviamente, c'è un tempo e un posto per tutto. L'importante è fare spazio per elaborare i tuoi sentimenti.

Se non sei sicuro di come farlo, forse inizia con l'inserimento nel journal. I sentimenti che non vengono riconosciuti non vanno via. Restano dormienti e escono in modi che sono quasi sempre negativi e distruttivi.


Source www. highlysensitiverefuge.com By Charity Koltes

Elena Trucco